mercoledì 21 maggio 2008

Cannes: Sean, Clint, Jack, Spike & Harrison (e Angelina)

Quanta bella gente che c'è a Cannes, a maggio...


Il presidente di giuria è Sean Penn (qui col suo amico Bono DegliU2), lui che di solito snobba queste manifestazioni preferendo cose più indipendenti. Chissà che uno come lui (e un italiano in giuria, Sergio Castellitto) non riesca a far vincere un italiano, e nello specifico Gomorra di Matteo Garrone.
Ma c'è un altro film che ha praticametne la palma d'oro già in mano...
Clint Eastwood ce l'ha fatta di nuovo. Tutti speravano che la smettesse di sfornare capolavori ogni anno, e invece non c'è riuscito. Changeling è in concorso a Cannes, ieri sera è stato visto, e tutti hanno concordato: Capolavoro. Di nuovo.
E' una storia originale basata su eventi realmente accaduti a una donna negli anni '20, sceneggiata da J. Michael Straczynski (il creatore della serie tv Babylon 5 e sceneggiatore di alcuni episodi di serie come La signora in giallo e Ai confini della realtà) e interpretata (superbamente, dicono) da Angelina Jolie, una madre coraggio a cui prima rapiscono il figlio e poi le restituiscono un altro bambino.

Fuori concorso invece c'è stato l'evento dell'anno:
beh, non so se si capisce, ma è Harrison Ford, a rappresentare il quarto film dell'archeologo dell'avventura di spielberghiana e lucasiana origine Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo, in arrivo nelle sale da domani (dopodomani, venerdì, in Italia).

Sempre fuori concorso la Dreamworks Animation ha presentato il suo film d'animazione di quest'anno, colui che darà filo da torcere al mio amato WALL•E:
Presentato anche questo da Angelina Jolie, Kung Fu Panda sembra non essere il solito cartone animato comico sulla scia di Madagascar (il cui sequel arriverà a Natale), ma invece pare abbia un certo afflato tipico dei classici Disney. Eresia? Staremo a vedere, ad agosto in Italia.
La voce del Panda è del bravissimo e simpaticissimo (e meshatissimo) Jack Black, protagonista anche del nuovo film di Michel Gondry Be kind, rewind - Gli acchiappafilm in uscita venerdì in Italia.

E infine, lui, questo piccolo grande genio del cinema americano, Spike Lee, che ci sta onorando di un film girato e ambientato in Italia, Miracolo a Sant'Anna, dopo due capolavori come La 25a ora e Inside Man (entrambi scandalosamente ignorati dagli Oscar). Sulla Croisette sono stati mostrati alcuni spezzoni di questo suo prossimo film, in uscita entro ad ottobre in Americ.

Ogni anno a maggio mi prende un enorme depressione... io voglio essere a Cannes, dove si fa la storia del cinema. E invece sono qui, a morire di caldo sotto il diluvio universale di Roma...

Nessun commento: