venerdì 20 febbraio 2009

Sanremo No Limits

Wow che seratona o_O
Non avrei mai immaginato quello che sarebbe potuta essere la serata dei giovani accompagnati dai padrini illustri, pur sapendo già i nomi dei padrini e avendo già ascoltato le canzoni delle nuove proposte.
E' stata forse la migliore serata festivaliera che sia mai stata organizzata, e il merito non è solo degli accompagnatori (come stanno dicendo tutti i giornali in queste ore) ma anche delle voci e delle canzoni delle nuove proposte, che sono nettamente migliori di più o meno tutte le canzoni in gara fra i big.

Il meglio della serata si è concentrato nella prima parte, quella conclusasi alle 23 e rotti. Il resto è stato un po' sottotono.
Si inizia con il monologo finale di Novecento ne La leggenda del pianista sull'oceano (e già lì sono esploso di gioia) seguito da Giovanni Allevi al pianoforte che prima accenna il meraviglioso tema del film di Ennio Morricone e poi parte in un virtuosismo pazzesco che richiama l'analoga scena del film.
Poi si comincia a cantare. Serata che sulla carta si prospettava succosa... ma niente in confronto a ciò che è successo davvero!
Ecco i 10 duetti, disponibili online su Rai.tv (cliccare sul nome del giovane per guardare il duetto, e su quello dell'accompagnatore illustre per guardare la sua esibizione individuale):
[per la cronaca... di tutti questi bei video non riesco a vederne nemmeno uno... tanto per confermare i complimenti che facevo ai nuovi siti RAI...]
Oh... ce ne fosse uno che avesse stonato, sia giovani che vecchi, una meraviglia! Beh, oddio, Chiara Canzian non ci arrivava tanto con la voce all'inizio della sua esibizione, e Barbara Gilbo non ci arrivava MAI, oltre ad avere una brutta canzone. Ma a parte questo sono stati tutti fantastici. Almeno fino all'una di notte, quando sono tornati a cantare i sei big eliminati nelle due serate precedenti (Afterhours, Tricarico, Al Bano, Nicky Nicolai, Iva Zanicchi e Sal Da Vinci). Sembrava impossibile, eppure fra i sei sono stati ripescati i due peggiori: Al Bano e Sal Da Vinci (ovviamente non sono brutte, ma sono banalissime e inutili, e dannose visto che hanno eliminato le altre quattro, tutte originali e interessanti a loro modo).

Ma lasciamo perdere i fastidiosi big, e torniamo alla bella musica dei giovani e dei loro mentori. Le canzoni sono tutte belle, le uniche che boccerei sono quella di Barbara Gilbo (brutta la canzone e poco interessante la voce) e quella di Chiara Canzian (canzone normale, testo pessimo, ma ottima voce). Per quanto riguarda i duetti sono tutti abbastanza riusciti, e mai i big hanno sovrastato i giovani, anzi in alcuni casi hanno fatto anche magre figure (tipo Ornella Vanoni che cantava un po' a vanvera, prima di riprendersi nella sua ottima performance da sola, o Gino Paoli che se ne stava in disparte, inutile, e anche la sua performance da solo non è stata granché... forse aveva sonno, vista l'ora). Ci sono stati poi gli straordinari accompagnamenti solo musicali (Pino Daniele, I Sorapis, Burt Bacharach, Lelio Luttazzi), mentre fra gli accompagnamenti vocali l'unico eccellente è stato quello di Riccardo Cocciante.
Fra le performance solitarie degli ospiti illustri le migliori sono state quella di Riccardo Cocciante (come può uno tanto basso essere tanto Grande?!), Pino Daniele (che splendida voce...), Roberto Vecchioni, Ornella Vanoni (con una canzone meravigliosa di Luigi Tenco e una molto bella di Mino Reitano, il cui testo fu scritto dalla stessa Vanoni), ma soprattutto loro... Zucchero/Battaglia/Vandelli/Zanotti.

Da segnalare poi l'usuale performance Sinatresca di Luca Laurenti, stavolta nella classica "My Way" dopo la straordinaria "That's Life" della prima sera, e persino l'altrimenti inutile Kevin Spacey si presenta cantando "Fly me to the moon" per poi concedersi a una lunga e noiosa intervista con Bonolis.

Spero di non aver dimenticato niente, ma c'è stato veramente tanto. Spettacolo, come se ne vede raramente sulla TV italiana. E sicuramente non ricapiterà stasera, con i big rimanenti anch'essi accompagnati da degli artisti ospiti, ma niente in confronto alla serata di ieri. L'unica cosa interessante potrà essere Teo Teocoli che accompagna Alexia e Mario Lavezzi, e poi basta...
Ah, beh, certo... stasera è la serata delle conigliette di Playboy... Insomma, tipica serata da seguire su Radio 2 con la Gialappa's Band (cosa che invece non andava fatta ieri sera per non perdersi nemmeno un minuto di quello spectacular spectacular andato in onda in TV).

Concludo con una mia classifica personale delle canzoni in gara delle nuove proposte:
  1. SIMONA MOLINARI con "Egocentrica”
  2. KARIMA con "Come in ogni ora”
  3. MALIKA AYANE "Come foglie”
  4. IRENE con "Spiove il sole”
  5. ARISA con "Sincerità”
  6. SILVIA APRILE con "Un desiderio arriverà”
  7. FILIPPO PERBELLINI con "Cuore senza cuore”
  8. CHIARA CANZIAN con "Prova a dire il mio nome”
  9. ISKRA con "Quasi amore”
  10. BARBARA GILBO con "Che ne sai di me”
Devo dire che fra le prime sette ho seriamente faticato a trovare un ordine perché sono tutte molto belle. Notare che c'è un unico uomo in gara, le altre sono tutte donne. Da Iskra, la corista di Lucio Dalla, mi aspettavo molto di più (dacché ha una voce che in certi momenti ricorda paurosamente Mina), eppure non ha dato il massimo, e nemmeno la canzone era eccezionale (scritta anche dal mentore Lucio).

Ultima nota: non ho sentito nemmeno una canzone del concorso Sanremo.59 tenutosi in queste settimane online. Ha vinto una certa Ania, che si esibirà sabato durante la finale. Toccherà ascoltare almeno le 10 finaliste, tanto per farsi un'idea.

A domàn!

Nessun commento: