lunedì 6 aprile 2009

Il GGG - Gioacchino Giampaolo Giuliani

Un po' di informazioni sul signor GGG, Gioacchino Giampaolo Giuliani, il "profeta" salito agli onori della cronaca per aver previsto il terremoto di oggi all'Aquila, e che è stato oggetto anche delle discussioni e dei commenti a caldo di queste ore. In questi casi si parla sempre di quello che si poteva fare e non si è fatto, polemiche ovviamente inutili DOPO il fatto. Ma vorrei fare polemica non tanto sul terremoto, quanto sull'informazione che se ne sta dando in queste ore. Il signor GGG viene descritto come un profeta dai giornali, che evidentemente non si interessano di approfondire certe questioni sul suo riguardo.

Il signor GGG ha brevettato un sistema che secondo lui è in grado di prevedere i terremoti forti con un anticipo di 6-24 ore, ovvero un tempo utile per delle evacuazioni. La scienza, oggi come oggi, dice che non è possibile prevedere i terremoti, e non lo dice certo perché non le va di starci a studiare sopra. Questo ovviamente non esclude che un modo per prevederli si possa scoprire. Forse è proprio quello che ha inventato GGG? Forse, ma per ora rimane solo una sua intuizione non dimostrata scientificamente, avvalorata soltanto da coincidenze come l'aver previsto il terremoto del 1997 in Umbria e Marche, lo tsunami del 2002 in Indonesia, e quest'ultimo terremoto all'Aquila. Da che esiste il metodo scientifico le coincidenze non dimostrano niente, al massimo ti danno motivo di credere che vale la pena fare ricerca su quella teoria. Ciononostante l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare ha concesso al signor GGG dal 2001 l'utilizzo dei benemeriti Laboratori Nazionali del Gran Sasso come collaboratore tecnico non già dell'INFN ma di un altro istituto temporaneamente collaborante con l'INFN, ovvero l'Istituto Nazionale di Astrofisica (che ci tiene a ricordare che il signor GGG è appunto un collaboratore tecnico non laureato e che la sua ricerca sui terremoti è indipendente). Ora, la fisica nucleare e l'astrofisica niente c'entrano con i terremoti. Eppure questo signore ha disseminato i suoi strumenti in vari punti dell'Abruzzo, fra cui appunto il laboratorio del Gran Sasso, atti a rilevare le concentrazioni di gas radon che, secondo lui e le suddette coincidenze, si alzerebbero in maniera rilevante poche ore prima di un terremoto.



Come spiega in questo video (che ha del grottesco) di un quotidiano web aquilano e in questa intervista realizzati qualche giorno fa, in concomitanza con un effettivo sciame sismico (ovvero un susseguirsi di scosse di magnitudo superiore al grado 2.0 della scala Richter) iniziato già da gennaio, i suoi strumenti hanno rilevato il famigerato radon, il ché ha indotto il signor GGG ad annunciare un terribile terremoto, tanto che alcuni banditori hanno girato per le strade dell'Aquila gridando alla gente di uscire di casa e prepararsi al peggio. E' per questo che il signor GGG è stato denunciato per procurato allarme. Negli ultimi giorni le scosse si erano intensificate, e gli strumenti del signor GGG avevano previsto entro 24 ore un terremoto a Sulmona (a 100 km d'autostrada dall'Aquila, che dovrebbero essere una sessantina in linea d'aria). Quel giorno il terremoto a Sulmona non c'è stato, e al signor GGG è stato notificato un avviso di garanzia e oscurato il suo sito web (che non riesco a trovare) su cui erano pubblicati i dati delle sue rivelazioni. Quel terremoto che aveva previsto si è poi verificato questa notte all'Aquila e ha causato ormai un centinaio di morti, quindi il signor GGG ora chiede le scuse di chi l'aveva tacciato di imbecillità ("quegli imbecilli che si divertono a diffondere notizie false"), ovvero il Cavaliere di Gran Croce Guido Bertolaso direttore del Dipartimento della Protezione Civile e Sottosegretario della Presidenza del Consiglio attualmente commissario straordinario per il terremoto in Abruzzo, come anche il professor Enzo Boschi presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (ovvero l'ente predisposto al monitoraggio costante dell'attività sismica italiana).

Avrò insistito un po' troppo con le fonti* e con i titoli di merito dei personaggi di questo racconto? Visto che non l'ha fatto nessuno sui media nazionali, lo faccio io sul mio blog, che tanto non fa male a nessuno.
L'eroe di questa storia non è il presunto profeta GGG, ma Bertolaso, che da anni si fa un mazzo tanto per venire a mettere una pezza sulle leggerezze croniche della mentalità italiana.

*Le fonti che ho usato sono quelle accessibili da Internet e sono o comunicati ufficiali o articoli di testate giornalistiche e agenzie di stampa. Non sarei tanto sicuro dei termini esatti delle denunce e dell'avviso di garanzia, dato che non posso controllare direttamente e che gli articoli che ne parlano non sono molto precisi.

8 commenti:

Tyrrel ha detto...

Cioè... non solo il suo metodo è tutto da dimostrare, non solo non è un collaboratore dell'INFN ma non è manco laureato!!! °__°
Grazie Elik (e grazie anche a Breda per il commento al post precedente) per aver fatto chiarezza. Quel che mi chiedo è: se sei riuscito tu a fare questa ricostruzione dei fatti, che giornalista non sei, perché non l'hanno fatto i giornalisti veri anziché fornire notizie così superficiali?

Riguardo Bertolaso, non mi sento di considerarlo l'eroe della situazione; secondo me lo sono molto di più quei medici e quegli infermieri dell'ospedale dell'Aquila che hanno assistito ininterrottamente i numerosi feriti nonostante si fosse in una situazione disperata, con la struttura quasi completamente inagibile.
E' comunque vero CHE Bertolaso ha indubbiamente svolto un ottimo lavoro, la Protezione Civile si è mossa dopo appena 20 minuti. Probabilmente la tempestività quasi immediata è stata dovuta al fatto che la "macchina" della P.C. era stata già allertata a seguito degli sciasmi sismici dei giorni scorsi. In alcuni casi purtroppo non c'è stata questa tempestività; è il caso dell'alluvione che solo pochi mesi fa c'è stata dalle mie parti (manco 10 km da casa mia), quando la P.C. arrivò quasi 24 ore dopo. In quel caso si disse che l'evento era imprevedibile, anche se io ho i miei dubbi (era da circa una settimana che la zona era battuta da acquazzoni tropicali).

Tyrrel ha detto...

Il "CHE" tutto in maiuscolo è un semplice errore di digitazione, non volevo rimarcare nulla...

Elikrotupos ha detto...

Ovviamente sono eroi tutti i singoli volontari che sono lì a dare una mano, però si sa che in questi casi la coordinazione è fondamentale, e ci vuole un direttore con le scamorze per far sì che la voglia di aiutare non si trasformi in pasticci, ritardi o anche ulteriori danni.

Riguardo ai giornalisti, semplicemente non gli interessa approfondire la cosa. La notizia è succulenta solo se presa superficialmente, ovvero "c'è uno che l'aveva previsto ed è stato persino denunciato!". L'hai mai sentito dire in tv che GGG non è laureato? Io no. E se leggo alcuni commenti in giro per internet o nei gruppi di facebook tutti lo chiamano "dottor", "professor", "scienziato", "ricercatore" un po' a vanvera, come capita.
A me è venuta voglia di approfondire la questione perché vedo che la Protezione Civile fa sempre un lavoro eccellente, ha i nervi saldi, aiuta la gente e risolve le situazioni, per cui mi suonava molto strano che non avessero dato ascolto a qualcuno che li aveva avvertiti. Mi sembrava invece più probabile che quel qualcuno non fosse tanto rispettabile quanto si dice in giro, ed è bastato andare a leggere i comunicati ufficiali dell'INFN e dell'INAF, invece di accontentarmi degli strilloni d'agenzia, per scoprire chi era davvero GGG.

Dell'alluvione che dici non sapevo niente. Al contrario dello sciame sismico, le piogge torrenziali possono far ben prevedere che la situazione peggiorerà. Però non conosco il caso in particolare, quindi boh, dovrei informarmi, ma anche in questo caso tendo a fidarmi della Protezione Civile e del fatto che avrà agito nei modi e nei tempi migliori possibili.

Tyrrel ha detto...

Finalmente, dopo più di 24 ore, alcuni siti d'informazione hanno finalmente cambiato registro. Stamani presto sulla home di Repubblica ancora capeggiava il titolo:"L'esperto:'Ora Bertolaso chieda scusa'" -__- , mentre a metà mattina ho visto un titolo che diceva pressapoco:"E' impossibile prevedere terremoto".
E poco fa al TgR-Leonardo hanno trasmesso un servizio in cui hanno smontato la teoria di GGG.

A proposito, se non ho inteso male io, ieri Bertolaso ha detto che vista l'insistenza di certe "teorie" a fine Marzo è stato riunito un comitato tecnico scientifico che le ha valutate e considerate non fondate (per cui a GGG l'hanno pure preso in considerazione).

Sull'alluvione, non volevo dire che ci sia stata negligenza da parte della Protezione Civile, ma che non è riuscita ad essere tempestiva. In casi di calamità simili, non è che possa fare tutto la P.C. senza il supporto degli altri soggetti in gioco (Ministero, Prefetture, Enti Locali, etc). Per dire, se a L'Aquila l'intervento è avvenuto 20 minuti dopo la scossa è stato perché nelle settimane scorse la P.C. era stata allertata dall'INGV o da chi per loro.
Ecco, per l'alluvione di Capoterra è mancato questo coordinamento, perché la situazione non era monitorata. Come poi sia possibile che non monitorare costantemente una serie di lottizzazioni edificate letteralmente sul letto di un torrente, e che già in passato erano state colpite da alluvioni più lievi, è un altro discorso (che poi è sempre il solito...).

Elikrotupos ha detto...

Oh, bravo Leonardo, che per un periodo ho guardato tutti i giorni.
In TV l'ha detto anche Mario Tozzi e altri geologi, però non avevano lo spazio necessario per smontare per bene la tesi del GGG, quindi nessuno gli credeva, e i giornalisti continuavano a insistere sul "si poteva evitare".

Elena ha detto...

Bravo Elikro, anch'io avevo seguito tutto il discorso ed ero arrivata alle tue conclusioni, ma non avevo un blog dove pubblicarle :P Certo che se voleva pubblicità "GGG" l'ha ottenuta, della sua teoria ha parlato il mondo intero...

Quanto alla protezione civile, non so, a sapere che a Onna lunedì notte non avevano le tende dove dormire mi sono venuti i brividi. Ok che gli abitanti non volevano spostarsi, ma quanto costava metterle vicino alle case invece che a 5 km di distanza?!?

Xa

Elikrotupos ha detto...

non lo so, provo a ipotizzare che a Onna, essendo in montagna, non ci fosse spazio per una tendopoli nelle vicinanze.
Comunque anche la gente all'Aquila la prima notte non aveva le tende, però c'è chi ha dormito in auto, chi è stato portato "al mare", ecc.

Elikrotupos ha detto...

A onor del vero devo correggermi, perché guardando su Google Maps (per quello che ne posso capire) pare che invece Onna sia su una bella piana, è molto più arroccata in montagna l'Aquila.
Non saprei, ma sono comunque convinto che si sia fatto il possibile e che nessuno sia stato ignorato, per quanto piccolo fosse il suo paese.