giovedì 16 aprile 2009

That's all folks?

Questa settimana sono tornato a Roma, dopo la tremenda settimana da psicoterremotato. Dopo le scosse dei primi tre giorni non ho sentito più nessun altra scossa, nonostante stessi sempre all'erta. Idem adesso che sono a Roma. Che siamo tornati alla normalità? Speriamo...
Oggi mi ha chiamato mio padre chiedendomi se avevo sentito il terremoto ultimamente. Gli ho detto di no, ma non gli ho chiesto perché me l'ha chiesto. Non volevo sapere la risposta.
Eppure di scosse di magnitudo superiore a 4 (addirittura vicine a 5) ci sono ancora state.
Ai posteri l'ardua sentenza.

Stimoli (ovvero briciole di routine post-sisma):
  • Una storia su un pazzo che crede di vivere in un film e di parlare con il regista. Ambientato pochi giorni prima del terremoto in Abruzzo. Lui riesce a prevederlo perché glielo dice il regista, ma lo prendono per pazzo. Protagonista interpretato da Gabriele Cirilli.
  • Avventura: ricordi di Corto Maltese, curiosità per Clive Clusser e James Rollin. Alla fine mi sono affidato al surrogato Valerio Evangelisti a tema piratesco. Ma non nascondiamoci dietro a un dito: l'ho comprato solo per la copertina
  • Una Costituzione gratis. L'ho trovata all'entrata della libreria. Dentro c'era la pubblicità di un volume chiamato La Costituzione esplicata. Lo voglio.
  • Ho comprato 12 libri, 120 euro. Come ai bei tempi. Viva la Pasqua. Tre libri in francese dell'amato Jean-Claude Izzo (di cui uno a fumetti), uno scoperto grazie a un gruppo di irlandofili su anobii.com, un fantasy con protagonista l'amato Gustave Doré, un altro consigliato da {L}, un saggetto di elucubrazioni letterarie sull'amato mare, un classico che da liceali tempi desideravo leggere, e la nuova (almeno per l'Italia) fatica fumettistica dell'amato bardo di Northampton.
  • Con un po' di ritardo è tornato Cin Cin Cinema a Roma. L'ho inaugurato con Che - L'argentino, di Steven Soderbergh. Affascinante, ma soporifero. La seconda parte fra due settimane.
  • L'amato Morgan si è deciso a fare cover delle amate canzoni d'autore italiane. Ieri ho visto che l'ha fatto anche Antonella Ruggiero. Prima di loro, un paio d'anni fa, fece la stessa cosa l'amato Claudio Baglioni, fralaltro in un doppio disco. Per tacer dei vari Fleurs di Battiato, che però non si limitava all'Italia.
  • Amara chiosa: Stefano D'Orazio lascia i Pooh! O___O Mi sento smarrito. Veramente. Non mi sento più la terra sotto i piedi. E non è il terremoto.

4 commenti:

Lorenzo Breda ha detto...

Uh, c'è cin cin cinema?

[peccato che al momento ci sia ben poca roba interessevole, imho]

Elikrotupos ha detto...

tragicamente vero. A una rapida occhiata ci sono 4/5 film che vorrei vedere, ma in effetti nessuno è fra grossi i film attesi di quest'anno. C'è Star Trek l'8 maggio, ma Cin Cin Cinema finisce il 7...

valentina ha detto...

120 euri in libreria? O_O
Annego nell'invidia e nella bava...

:P

Mi interessa lo "stolen child", o "bambino che non era vero", che dir si voglia... più che altro perchè nel mio Programma Scolastico di Studio di Mr. Clint ho fatto rientrare anche delle ricerche sui racconti folkloristici dei fairy changelings.. e insomma, mi pare che qua siamo sullo stesso terreno..

Elikrotupos ha detto...

per la cronaca: libreria virtuale. li ho ordinati, ora attendo con ansia il loro arrivo a casa.

Dei changelings non sapevo niente, ma leggendo la trama anch'io ho subito ricollegato al recente film di zio Clint. Comunque sì, parla di quello.