giovedì 2 luglio 2009

Premio Strega: la finale!

In queste ore si sta svolgendo lo spoglio dei voti per assegnare il Premio Strega 2009.
Mi passò completamente di mente, tanto che mi persi la fase intermedia, ovvero la scrematura da 12 a 5 finalisti avvenuta il 18 giugno.
Tale prima votazione ha dato questi risultati:

La cinquina dei finalisti

59 Stabat Mater (Einaudi) di Tiziano Scarpa
45 L’istinto del lupo (Newton Compton) di Massimo Lugli
42 L’ultima estate (Fazi) di Cesarina Vighy
40 Il bambino che sognava la fine del mondo (Bompiani) di Antonio Scurati
35 Almeno il cappello (Garzanti) di Andrea Vitali

I candidati esclusi

33 Il tempo materiale (minimum fax) di Giorgio Vasta
26 Come ho perso la guerra (Fandango Libri) di Filippo Bologna
20 Cecilia (Edizioni e/o) di Linda Ferri
15 La vedova, il Santo e il segreto del Pacchero estremo (Marsilio) di Gaetano Cappelli
13 I nostri occhi sporchi di terra (Baldini Castoldi Dalai) di Dario Buzzolan
10 In terra consacrata (Piemme) di Ugo Barbàra
8 I frutti dimenticati (Marcos y Marcos) di Cristiano Cavina

Ora, le mie previsioni (nonché il mio favorito [giudizio assolutamente pre-lettura...]) sono andati bellamente a putains, dacché io tifavo principalmente per I frutti dimenticati (che è finito ultimo...). Un altro dei miei favoriti era La vedova, il Santo..., anch'esso ritrovatosi escluso. Da notare l'esclusione di tutti i libri sulla Resistenza e sul terrorismo italiano, che sembravano farla da padrone. Rimangono in gara, dei miei prediletti, Stabat Mater, L'istinto del lupo e Il bambino che sognava la fine del mondo, contro il caso letterario dell'anno L'ultima estate, e il generalmente apprezzato Andrea Vitali.

Sembrerà banale adesso fare una previsione, perché pare che andrà a vincere Stabat Mater di Tiziano Scarpa. Ma vogliamo dare fiducia a un outsider? Allora Il bambino che sognava la fine del mondo ha il mio appoggio. Vedremo fra poche ore...
Il vincitore riceverà l'onore di venir acquistato et letto dal sottoscritto non appena uscirà una versione tascabile del suo libro, con inevitabile fascetta promozionale.

EDIT: Il vincitore è Stabat Mater, per 119 voti, contro i 118 voti di Il bambino che sognava la fine del mondo di un Antonio Scurati visibilmente in polemica per il fatto che per l'ennesima volta vince la Mondadori (o meglio, Einaudi, che è lo stesso) e che il premio sia una messa in scena.

Nessun commento: