giovedì 17 dicembre 2009

Nuove Frontiere della Fascetta

Oggi sono entrato in libreria (pieno *così* di gente, anzi **così**) e mi è caduto l'occhio su questo libro:

More about Trattato di funambolismo
Trattato di funambolismo
di Philippe Petit


Sopra aveva una di quelle famigerate fascette promozionali. Che diceva: "Presentato da Fabio Fazio a Che tempo che fa". Non "il capolavoro del protagonista del film premio Oscar Man on Wire".

Oh, io Che tempo che fa lo vedo sempre e mi piace molto, e più di una volta ho comprato libri o visto film o ascoltato musica consigliati lì. Ma da qui a usarlo sulle fascette mi sembra quantomeno esagerato. Una cosa del genere in America succede con Oprah Winfrey. Pochi fortunati libri possono vantarsi di avere il bollino "Oprah's Book Club".
L'ultima volta che ho controllato Fazio era dato come il David Letterman italiano, non l'Oprah...
Da un lato mi fa piacere, dall'altro... boh, fa molto strano... comunque io sarei onorato di avere in libreria un libro con la fascetta che dice che è consigliato da me :D

2 commenti:

valentina ha detto...

il fatto è che, a quanto pare, la gente un po' rimbambita/smemorata si presenta in libreria chiedendo "Avete quel libro di cui ha parlato Fazio?" senza ricordarsi il titolo.
I librai avranno pensato di attrezzarsi con le fascette.

Elikrotupos ha detto...

sì, è capitato anche a me di sentirlo al banco informazioni :)
e ora che mi ci fai pensare, mia madre mi chiede spesso anche dei libri della Bignardi (che già è un po' più Oprah di Fazio :P ma fascette su di lei ancora non le ho viste)