mercoledì 15 giugno 2011

Oscar Twist!

Oggi l'Academy se n'è uscita con uno stravolgimento del regolamento che mette del parecchio pepe alle prossime nomination agli Oscar.
Fra le tante modifiche al regolamento ce ne sono tre particolarmente notevoli. Eccole, in ordine di notevolezza. L'ultima è la più notevole.

Migliori effetti speciali
Facendo seguito a una modifica dello scorso anno, che portava da tre a cinque i nominati in questa categoria, quest'anno (con colpevole ritardo, imho, infatti l'anno scorso protestai) i pre-nominati, ovvero i film scelti fra quelli che si propongono per la candidatura nella categoria, salgono da sette a dieci.
L'anno scorso, nominando 5 dei 7 pre-nominati, i 2 sfigati rimasti fuori furono Scott Pilgrim vs. the World e Tron - Legacy, mentre con 10 pre-nominati potevano fargli compagnia, chessò, Le Cronache di Narnia - Il viaggio del Veliero, Prince of Persia - Le sabbie del tempo e Shutter Island. Io Scott Pilgrim e Shutter Island al posto di Iron Man 2 e Harry Potter e i doni della morte - Parte I li avrei nominati.

Vabbè. Qui siamo ancora alla guerra fra poveri. Ora arriva il bello.

Miglior lungometraggio d'animazione
Piccola rivoluzione anche in questa categoria, dopo dieci anni quasi invariati. Già da qualche anno sono stati esclusi da questa categoria i film in motion-capture, in quanto non consistono di vera e artigianale animazione fotograma per fotogramma. Per capirci, quest'anno non gareggeranno in questa categoria filmoni come Happy Feet Two (nonostante il primo film l'Oscar lo *vinse*, nel 2007) e Le avventure di Tintin o quel floppone micidiale di Milo su Marte.
Ma la rivoluzione di quest'anno sta nel numero di nominations. Finora le cose funzionavano così: ogni studios poteva proporre il proprio film d'animazione in concorso, e se le proposte accettate erano più di otto la categoria veniva attivata, altrimenti ciccia. Le nomination in palio erano tre, che potevano diventare cinque se le proposte iniziali fossero state più di quindici (da sedici in su). In dieci anni questa evenienza è capitata soltanto in due edizioni: la seconda (2002, quando vinse La città incantata) e quella di due anni fa (2009, quando vinse Up). Curiosità: in entrambe le edizioni quattro nominati su cinque erano in animazione tradizionale (disegni o stop-motion) e non in computer grafica. So' soddisfazioni.
Da quest'anno invece la regola si fa un po' più flessibile. Oltre alle soglie di 8 e 16 proposte iniziali, si aggiunge la soglia del 13. In pratica:
  • almeno 16 proposte ↬ 5 nomination
  • almeno 13 proposte ↬ 4 nomination
  • almeno 8 proposte ↬ 3 nomination
Se ci fosse stata questa regola dall'inizio, praticamente ogni anno si sarebbero avute almeno 4 nomination, invece delle 3 a cui ci eravamo ormai abituati. Sfizioso.

Miglior film
E infine la novità delle novità. Due anni fa ci fu la svolta storica, e le nomination nella categoria ammiraglia passarono da cinque a dieci. Quest'anno le cose però si fanno un po' più dure. Infatti le nomination come miglior film saranno almeno cinque, ma non necessariamente dieci. Saranno ammessi alla categoria più prestigiosa solo i film che avranno ottenuto al meno il 5% di "primi posti" (ogni votante stila una classifica). Anche in questo caso, andando ad analizzare le edizioni degli ultimi anni, si è notato che non sempre (anzi, mai) si sarebbero raggiunte le 10 nomination, ma allo stesso tempo se ne sarebbero sempre avute almeno 5. Anche qui c'è da sbizzarrirsi nell'immaginare come sarebbero state le ultime edizioni degli Oscar (e qualcuno in effetti si è sbizzarrito).

Per me sono tutte modifiche positive, che rendono ancora più frizzante tutta la awards season (che partirà più o meno a ottobre, con le prime shortlist). Per ravvivare la cerimonia finale invece ci vuole molto altro... chissà che altra idea floppesca si inventeranno quest'anno, dopo il narcolettico James Franco dell'anno scorso...

Nessun commento: